Business plan per negozio online


Fare un business plan per un negozio online è fondamentale per potersi aspettare delle vendite online.

Al giorno d’oggio un’azienda che vuole rilanciare la propria attività ed affacciarsi a nuovi mercati, deve assolutamente mettere in cantiere di costruire un business plan ben definito per la vendita online.

Vendere online permette alle aziende locali di ampliare fortemente il proprio pubblico di riferimento e andare a colpire fasce di mercato inesplorate e soprattutto irragiungibili fisicamente.

La distanza tra il cliente e il luogo fisico viene del tutto eliminata con l’apertura di un negozio online.

 

Gli elementi di successo di un business plan per ecommerce

 

La prima cosa da fare per iniziare a costruire il business plan è: analizzare i proprio competitor.

Come si muovono online?

Quali sono i canali che prediligono?

Che tipo di contenuti inserisco?

Con quale frequenza pubblicano i loro contenuti?

Quante interazioni hanno con il loro pubblico?

ecommerce business planSono tutte domande di fondamentale importanza per effettuare una prima analisi digitale di un competitor.

Scendere ancora più nel dettaglio e andare ad analizzare il loro negozio online è il passo immediatamente successivo: come hanno strutturato la loro homepage?

Come hanno distribuito le informazioni?

Com’è la pagina di prodotto?

Quali sono i metodi di pagamento che utilizzano e qual è il loro corriere.

Tutte queste informazioni sono importanti per avere chiaro lo scenario.

 

Passo due: definire le leve di marketing 

 

Quali sono le leve di marketing per il funzionamento di un negozio online?

Semplicemente tutti quegli strumenti che possono essere utilizzati per aumentare le conversioni sul negozio online.

Stiamo parlando delle principali piattaforme social, Facebook e Instagram ad esempio, attività di email marketing sviluppate con softaware come Mailchimp o Mailup, campagne di Google AdWords e di Facebook/Instagram Ads, blog (realizzare una buoan strategia di contenuto associando al negozio online anche un blog in cui raccontare l’esperienza del prodotto o spiegare in modo più approfondito le sue funzionalità, si rivelerà sempre una scelta vincente anche in termini di indicizzazione), attività di SEO (Search Engine Optimization), realizzare una strategi di offerte a tempo o promozioni riservate.

Le occasioni di acquisto, così come offline anche online, vanno create.

 

Passo tre: user interface

 

Al giorno d’oggio c’è bisogno di un pensiero “Mobile only” non più “Mobile first”.

Un negozio online deve essere reso semplice e intuivo prima di tutto.

La fase di registrazione di un utente o di un acquisto come ospite sono molto delicate e vanno rese semplici e immediate.

Effettuare l’acquisto paradossalmente è di solito una delle cose più difficili che gli utenti si trovano a fare: milioni di informazioni da riempire e una struttura poco comoda lo rendono complicato e sono complici dell’abbandono dell’acquisto.

Strategie per chi aggiunge prodotti al carrello ma poi li dimentica li.

 

Passo quattro: logistica, logistica, logistica

 

Uno dei fattori critici di successo per la vendita online è la spedizione.

I clienti acquistano un prodotto online e si aspettano di riceverlo a casa in un lasso di tempo davvero limitato: 24/48 ore.

Parte la corsa contro il tempo.

Effettuare un servizio di spedizione lento in alcuni casi è necessario: se il prodotto è un personalizzabile il cliente di solito è più predisposto ad attendere… meglio sempre non tirarla troppo per le lunghe!

Organizzare un servizio di spedizioni perfetto, uno schema logistico alla Amazon è quanto meno un’aspirazione necessaria.

 

Questi passi sono i primi quattro fondamentali per la costruzione di un business plan per un negozio online. Fissateli ben in mente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *