Vediamo come funzionano le opzioni binarie a 60 secondi


Le opzioni binarie consistono in un tipo di investimento che può essere compiuto attraverso piattaforme online.

Si presentano come una sorta di scommessa per mezzo delle quali si può puntare sulla salita o discesa di un prezzo in un determinato lasso di tempo che può variare da 60 secondi fino ad arrivare a diverse ore.

Quasi tutte le piattaforme per trading offrono la facoltà di operare attraverso le opzioni binarie, ma ne esistono alcune, in particolar modo, specializzate e sicure che sono autorizzate Consob.

Per citarne qualcuna si possono nominare l’OptionTime, la TopOption, l’AnyOption, la 24option, la Banc de Binary, l’Optionweb etc…

Chi si approccia per la prima volta alle opzioni binarie potrebbe sperimentare l’investimento in un conto demo, prima di mettere soldi reali sulla piattaforma. Operare in demo permette di comprendere bene di cosa si tratta senza rischiare nulla, essendo, per l’appunto, un conto fittizio.

Esistono numerose strategie al fine di ottimizzare le mosse cercando di creare maggiore profitto e possono essere provate per capire quale sarà la migliore per i propri obiettivi.

Per prima cosa è bene studiare i grafici delle valute o dell’oggetto d’investimento, per cercare di intuire il movimento successivo e poter scegliere se andare short ( vendere) o long (comprare).

Nel tempo prestabilito di un minuto si determinerà il nostro guadagno o la nostra perdita: nel caso il prezzo si fosse posizionato al di sopra del nostro livello avremo un guadagno se abbiamo comprato o viceversa una perdita se abbiamo venduto; lo stesso vale a dirsi nel caso il prezzo fosse al di sotto, ovvero avremo un guadagno se siamo andati short o una perdita se abbiamo optato per il long.

Esistono dei livelli sui quali i prezzi potrebbero avere dei rimbalzi e che potrebbero essere fonte di rendita positiva conseguente ad un’opzione presa al momento giusto.

Si chiamano Bande di Bollinger e indicano i punti di iper comprato e iper venduto di un prezzo e potrebbero segnalare anche una variazione del trend.

Se il prezzo pizzica la parte superiore della banda si ritiene che ci sia un iper comprato mentre, se va a toccare la banda inferiore, ci troviamo in una situazione di iper venduto.

Se il prezzo chiude la candela raffigurata nei grafici nella parte inferiore, la strategia ci informa che è preferibile comprare, per una legge di statistica, mentre se chiude nella parte superiore sarà meglio optare per la vendita.

Un’altra strategia può essere, invece, quella di seguire il trend del prezzo.

Si basa su una tecnica che prevede di non andare mai contro tendenza. Si considerano gli ultimi cinque minuti e se il prezzo è tendenzialmente rialzista si andrà long, viceversa si punterà short se dimostra di essere ribassista.

La scelta della strategia è molto personale e, al pari del trading on line, deve essere studiata e provata per capire quale possa essere più congeniale per il nostro tipo di investimento.

Investire tramite opzioni binarie può essere molto stimolate ed anche redditizio, ma deve essere svolto con cognizione ed accortezza.

E’ consigliabile porsi degli obiettivi giornalieri oltre i quali non andare per non farsi prendere troppo la mano. E’ necessario avere una certa disciplina e non puntare più del 15% del proprio capitale ad opzione e fissare dei limiti massimi di perdita della giornata per evitare di cercare di rimediare peggiorando la situazione.

Come oggetto delle opzioni è preferibile puntare sulle valute piuttosto che sull’azionario, perché le prime a differenza del secondo, hanno grafici più lineari con prezzi che sono meno volatili, più gestibili e più facili da studiare.

Di fondamentale importanza è ricordarsi che solo la costanza e la passione potranno far diventare questo tipo di investimento una fonte di guadagno reale e costante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *