La Fiorentina, a sorpresa, prima in serie A


La Fiorentina ed il buon avvio di campionato

Nonostante non fosse pronosticata tra le pretendenti allo scudetto, la Fiorentina sta disputando un’ottima prima parte di campionato, ed i risultati stanno confermando la bontà dell’impianto di gioco proposto da Paulo Sousa, il portoghese che da questa stagione ha preso il posto, sulla panchina viola, che era stato per tre anni di Vincenzo Montella.

La Fiorentina ha cambiato anche molti uomini, perdendo anche giocatori importanti come Mario Gomez e Savic, oltre agli svincolati Pizarro ed Aquilani, ma i nuovi arrivati si stanno comportando molto bene, in specialmodo il centravanti croato Kalinic, l’ex cagliaritano Astori, divenuto in breve tempo uno dei perni della difesa, e Vecino, di ritorno dalla stagione in prestito all’Empoli.

fiorentinaPaulo Sousa è riuscito a restituire alla migliore forma anche Roncaglia, anche lui rientrato dal prestito al Genoa, ed ha saputo ben dosare fino a questo momento le energie della squadra, impegnata su un doppio fronte, con i soli nei delle due sconfitte casalinghe in Europa League.

In attesa del completo ristabilimento di Giuseppe Rossi, continua il momento di grande forma di Ilicic, che dopo essere stato sull’orlo della cessione nel mercato dello scorso gennaio, è divenuto un giocatore indispensabile per la Fiorentina.

Da non sottovalutare nemmeno le prestazioni dei giovani Babacar e Bernardeschi, con quest’ultimo importantissimo nell’ultima vittoria di campionato sul campo della Sampdoria.

La Fiorentina impegnata anche in Europa League

La formazione viola è impegnata anche in questa stagione nella Europa League, manifestazione che la scorsa stagione la vide arrivare fino alla semifinale, battuta dagli spagnoli del Siviglia, che poi avrebbero vinto il trofeo, dopo aver eliminato formazione di prestigio come gli inglesi del Tottenham e la Roma.

In questa stagione, opposta agli svizzeri del Basilea, proprio l’ex squadra di Paulo Sousa, ai portoghesi del Belenenses, ed ai polacchi del Lech Poznan, la Fiorentina ha steccato nelle due partite casalinghe, mentre si è imposta due volte in trasferta, ed ha quindi le possibilità di passare il turno qualificandosi per i sedicesimi di finale, anche se la prima posizione sembra in questo momento non avvicinabile.

Paulo Sousa per questa competizione ha sempre effettuato ampi turnover anche per mantenere fresca la squadra e per dare possibilità di gioco a tutti i componenti della sua rosa.

Una regola che probabilmente verrà messa in discussione nel prossimo incontro, in programma sul terreno del Basilea, dove la Fiorentina cercherà di vendicare la sconfitta dell’andata.

La Fiorentina ed il futuro

La formazione viola già nello scorso mercato estivo cercava un altro difensore, e dopo la rescissione del contratto di Montella che si è accasato alla Sampdoria al posto di Zenga, si è ritrovata in mano un tesoretto di circa 6 milioni di euro, grazie anche alla clausola rescissoria, per cui è ripresa subito la caccia al rinforzo in difesa, che è stato da tempo individuato in Lisandro Lopez del Benfica.

Il d.s. dei portoghesi Rui Costa, ex giocatore viola sembra non avere problemi per la cessione e quindi Lisandro Lopez dovrebbe essere da gennaio uno degli uomini a disposizione di Paulo Sousa. In altri reparti si seguono anche il centrocampista Walace, e l’attaccante atalantino Gomez.

Una Fiorentina dunque, intenzionata a provare a restare nelle zone alte della classifica, e che non si nasconde, anche se il suo tecnico non ha ancora pronunciato la parola “scudetto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *