Una panoramica generica sulla SEO


Caratteristiche

La Search Engine Optimization è un universo in continuo sviluppo ed evoluzione, non solo da un punto di vista puramente tecnico, ma anche strategico e progettuale.

Il passaggio dal Web 1.0, statico e prevalentemente iconico-testuale, al Web 2.0, interattivo e ipermediale, ha generato una vera rivoluzione nella ricerca dei contenuti, spingendo sempre di più i motori di ricerca a codificare nuovi algoritmi e a orientarsi verso i bisogni degli utenti, più che verso il profitto delle aziende in rete.

Il principio di base è sempre il medesimo quando si parla pratiche riguardanti l’ottimizzazione per i motori di ricerca, ma le regole stabilite dal più autorevole organismo in materia di indicizzazione del WWW, Google, sono definite sul piano dei contenuti e della semantica e il più recente aggioranamento dell’algoritmo utilizzato, “Hummingbird”, è dedicato alla ricerca semantica e all’utenza mobile.

Nuove regole e future prospettive

Come già prefigurato da Tim Berners-Lee alcuni anni or sono, la semantica è la vera prospettiva futura e solo ciò che risulta semanticamente corretto può essere correttamente indicizzato.

La SEO, pertanto, non può fare a meno dei contenuti e della qualità, oltre che della struttura formale e il nodo del dibattito è centrato sull’idea di architettura Web semanticamente corretta e ben strutturata. Gli esperti di http://ww.seolombardia.it si avvalgono di queste e molte altre conoscenze per aiutare i propri clienti a salire di posizione sulle pagine di Google e motori di ricerca.

La sovrabbondanza di informazioni, spesso veicolate attraverso fitti strati e infiniti reticoli, necessita di una ristrutturazione profonda, attraverso un ordine piramidale e la condivisione di regole e standard. L’obiettivo finale è il bisogno di reperire ciò che si cerca nel minor tempo possibile, senza dispersioni.

Lo standard per la SEO di Google

Per quanto possa sembrare complesso, in realtà lo standard SEO definito da Google è molto semplice, poiché mira, attraverso di 6 punti-chiave, a far sì che un sito sia presentabile nel miglior modo possibile e ben visibile all’utenza.

Le regole fondamentali

1. Concetti di base: curare attentamente il titolo e la descrizione di una pagina.

2. Ottimizzare la struttura del sito: URL brevi, navigazione semplice e chiara.

3. Ottimizzare il contenuto: qualità dei testi, sia nel contenuto che nella forma (la correttezza morfo-sintattica e ortografica!); presenza adeguata di ancoraggi; uso corretto di immagini (titolo, descrizione, didascalia, testo alternativo); utilizzo appropriato degli stili di formattazione (tag Intestazione); codice valido.

4. Facilitare il lavoro dei robots (robot.txt).

5. Predisporre il sito per una versione mobile.

6. Promuovere correttamente il proprio sito utilizzando gli strumenti per Webmaster che Google mette a disposizione.

Un sito ben fatto, che offre servizi utili e in maniera comprensibile, è già ottimizzato di suo, al resto ci penseranno i visitatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *